TOKYO

50.00
  • TOKYO

TOKYO
Matteo Baracco, 2021. Pastello e marker su carta, tecniche digitali.

Stampa su carta Pearl Favini, 290 grammi, b32 x a45 cm.
Tiratura limitata di n° 10 pezzi, firmati e numerati a mano.

Copie rimaste disponibili: 6

La luce del neon in strada segue un ritmo che non conosco.
Sto cercando riparo dalla pioggia incessante. In lontananza sento un sax ammaliante, non so bene dove io stia andando ma sto percorrendo questa strada leggermente serpeggiante; a suo modo anche lei segue un ritmo. Entro al Manhattan. No, non è il tipo di jazz bar che mi aspettavo: non è lussuoso, non è spazioso, non ci sono finiture in legno pregiato. C’è un bancone abbastanza datato e un titolare che è il barista. Ci sono quattro musicisti vicinissimi con contrabbasso, pianoforte, batteria e sax. Il palco è allestito davanti alla porta d’ingresso, attaccato al bancone. Fortunatamente sono arrivato in tempo, non hanno ancora iniziato perché stavano solo accordando gli strumenti. Fossi arrivato pochi minuti dopo sarei restato fuori. Mi sto abituando agli spazi angusti. In pochissimi metri quadrati ho tutto quello di cui avevo bisogno.

Testo a cura di Nicholas David Altea, giornalista per WIRED e Rumore.